torna alla versione originale del documento

Verdi 200  18/04/2014

Simon Boccanegra

Simon Boccanegra
Melodramma in un prologo e tre atti
Musica di Giuseppe Verdi
Libretto di Francesco Maria Piave


ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out


PERSONAGGI

PROLOGO
Simon Boccanegra, corsaro al servizio della repubblica genovese, Baritono
Jacopo Fiesco, nobile genovese, Basso
Paolo Albiani, filatore d'oro genovese, Baritono
Pietro, popolano di Genova, Baritono
Marinai, Popolo, Domestici di Fiesco, ecc.

DRAMMA
Simon Boccanegra, primo doge di Genova, Baritono
Maria Boccanegra, sua figlia, sotto il nome di Amelia Grimaldi, Soprano
Jacopo Fiesco, sotto il nome d'Andrea, Basso
Gabriele Adorno, gentiluomo genovese, Tenore
Paolo Albiani, cortigiano favorito del Doge, Baritono
Pietro, altro cortigiano, Baritono
Un Capitano dei balestrieri, Tenore
Un'Ancella di Amelia, Mezzosoprano
Soldati, Marinai, Popolo, Senatori, Corte del Doge, ecc.


L'azione è in Genova e sue vicinanze, intorno alla metà del secolo XIV.
N.B.:Tra il Prologo ed il Dramma passano 25 anni.



ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out

PROLOGO
SCENA I

Una Piazza di Genova.
Nel fondo la chiesa di San Lorenzo. A destra il palazzo dei Fieschi con gran balcone: nel muro di fianco al balcone è un'immagine, davanti a cui arde un lanternino; a sinistra altre case. Varie strade conducono alla piazza. È notte.

Paolo e Pietro in iscena, continuando un discorso.

PAOLO:
Che dicesti?... all'onor di
primo abate
Lorenzin, l'usuriere?...

PIETRO:
Altro proponi
Di lui più degno!

PAOLO:
Il prode che da' nostri
Mari cacciava l'african pirata,
E al ligure vessillo
Rese l'antica nominanza altera.

PIETRO:
Intesi... e il premio?...

PAOLO:
Oro, possanza, onore.

PIETRO:
Vendo a tal prezzo il popolar favore.

(Si dan la mano; Pietro parte.)



PROLOGO
SCENA II

Paolo, solo.

PAOLO:
Aborriti patrizi,
Alle cime ove alberga il vostro orgoglio,
Disprezzato plebeo, salire io voglio.


PROLOGO
SCENA III

Detto e Simone che entra frettoloso.

SIMONE:
Un amplesso... Che avvenne? - Da Savona
Perché qui m'appellasti?

PAOLO:
All'alba eletto
Esser vuoi nuovo abate?

SIMONE:
Io?... no.

PAOLO:
Ti tenta
Ducal corona?

SIMONE:
Vaneggi?

PAOLO (con intenzione):
E Maria?

SIMONE:
O vittima innocente
Del funesto amor mio!... Dimmi, di lei
Che sai? Le favellasti?...

PAOLO (additando il palazzo Fieschi):
Prigioniera
Geme in quella magion...

SIMONE:
Maria!

PAOLO:
Negarla
Al Doge chi potria?

SIMONE:
Misera!

PAOLO:
Assenti!

SIMONE:
Paolo...

PAOLO:
Tutto disposi... e sol ti chiedo
Parte ai perigli e alla possanza...

SIMONE:
Sia...

PAOLO:
In vita e in morte?...

SIMONE:
Sia.

PAOLO:
S'appressa alcun... T'ascondi...
Per poco ancor, mistero ti circondi.

(Simone s'allontana, Paolo si trae in
disparte presso il palazzo dei Fieschi)


PROLOGO
SCENA IV

Paolo, Pietro, Marinari e Artigiani.

PIETRO:
All'alba tutti qui verrete?

CORO:
Tutti.

PIETRO:
Niun pei patrizi?...

CORO:
Niuno. - A Lorenzino
Tutti il voto darem.

PIETRO:
Venduto è a' Fieschi.

CORO:
Dunque chi fia l'eletto?

PIETRO:
Un prode.

CORO:
Sì.

PIETRO:
Un popolan...

CORO:
Ben dici... ma fra i nostri
Sai l'uom?

PIETRO:
Sì.

CORO:
E chi?... Risuoni il nome suo!...

PAOLO (avanzandosi):
Simone Boccanegra.

CORO:
Il Corsar?

PAOLO:
Sì... il Corsaro all'alto scranno...

CORO:
E qui?

PAOLO:
Verrà.

CORO:
E i Fieschi?

PAOLO:
Taceranno.
(Chiama tutti intorno a sé; quindi, indicando il palazzo de' Fieschi, dice loro con mistero)
L'atra magion vedete?... de' Fieschi è l'empio ostello,
Una beltà infelice geme sepolta in quello;
Sono i lamenti suoi la sola voce umana
Che risuonar s'ascolta nell'ampia tomba arcana.

CORO:
Già volgono più lune, che la gentil sembianza
Non allegrò i veroni della romita stanza;
Passando ogni pietoso invan mirar desia
La bella prigioniera, la misera Maria.

PAOLO:
Si schiudon quelle porte solo al patrizio altero,
Che ad arte si ravvolge nell'ombre del mistero...
Ma vedi in notte cupa per le deserte sale
Errar sinistra vampa, qual d'anima infernale.

CORO:
Par l'antro de' fantasimi!... O qual terror!...

PAOLO:
Guardate,
(Si vede il riverbero d'un lume)
La fatal vampa appare...

CORO:
Oh ciel!...

PAOLO:
V'allontanate.
Si caccino i demoni col segno della croce...
All'alba.

CORO:
Qui.

PIETRO:
Simon.

CORO:
Simone ad una voce.

(Partono)



PROLOGO
SCENA V

Fiesco esce dal palazzo.

FIESCO:
A te l'estremo addio, palagio altero,
Freddo sepolcro dell'angiolo rnio!...
Né a proteggerti io valsi!... Oh maledetto!...
E tu, Vergin, soffristi
(volgendosi all'immagine)
Rapita a lei la verginal corona?...
Ma che dissi!... deliro!... ah mi perdona!
Il lacerato spirito
Del mesto genitore
Era serbato a strazio
D'infamia e di dolore.
Il serto a lei de' martiri
Pietoso il cielo diè...
Resa al fulgor degli angeli,
Prega, Maria., per me.

(S'odono lamenti dall'interno del palazzo)

DONNE:
È morta!... È morta!... a lei s'apron le sfere!...
Mai più!... mai più non la vedremo in terra!...

UOMINI:
Miserere!... miserere!...

(Varie persone escono dal palazzo, e traversando mestamente la piazza, s'allontanano)



PROLOGO
SCENA VI

Detto e Simone che ritorna in scena esultante.

SIMONE:
Suona ogni labbro il mio nome. - O Maria,
Forse in breve potrai
Dirmi tuo sposo!... (scorge Fiesco)
Alcun veggo!... chi fia?

FIESCO:
Simon?...

SIMONE:
Tu!

FIESCO:
Qual cieco fato
A oltraggiarmi ti traea?...
Sul tuo capo io qui chiedea
L'ira vindice del ciel.

SIMONE:
Padre mio, pietade imploro
Supplichevole a' tuoi piedi.
Il perdono a me concedi...

FIESCO:
Tardi è omai

SIMONE:
Non sii crudel.
Sublimarmi a lei sperai
Sopra l'ali della gloria,
Strappai serti alla vittoria
Per l'altare dell'amor!

FIESCO:
Io fea plauso al tuo valore,
Ma le offese non perdono...
Te vedessi asceso in trono...

SIMONE:
Taci...

FlESCO:
Segno all'odio mio
E all'anatema di Dio
È di Fiesco l'offensor

SIMONE:
Pace...

FIESCO:
No - pace non fora
Se pria l'un di noi non mora.

SIMONE:
Vuoi col sangue mio placarti?
(Gli presenta il petto)
Qui ferisci...

FIESCO (ritraendosi con orgoglio):
Assassinarti?...

SIMONE:
Sì, m'uccidi, e almen sepolta
Fia con me tant'ira...

FIESCO:
Ascolta:
Se concedermi vorrai
L'innocente sventurata
Che nascea d'impuro amor,
Io, che ancor non la mirai,
Giuro renderla beata,
E tu avrai perdono allor.

SIMONE:
Non poss'io!

FIESCO:
Perché?

SIMONE:
Rubella
Sorte lei rapi...

FIESCO:
Favella.

SIMONE:
Del mar sul lido tra gente ostile
Crescea nell'ombra quella gentile;
Crescea lontana dagli occhi miei,
Vegliava annosa donna su lei.
Di là una notte varcando, solo
Dalla mia nave scesi a quel suolo.
Corsi alla casa... n'era la porta
Serrata, muta!

FIESCO:
La donna?

SIMONE:
Morta.

FIESCO:
E la tua figlia?...

SIMONE:
Misera, trista,
Tre giorni pianse, tre giorni errò;
Scomparve poscia, né fu, più vista,
D'allora indarno cercata io l'ho.

FIESCO:
Se il mio desire compir non puoi,
Pace non puote esser tra noi!
Addio, Simone...
(Gli volge le spalle)

SIMONE:
Coll'amor mio
Saprò placarti.

FIESCO (freddo senza guardarlo):
No.

SIMONE:
M'odi.

FIESCO:
Addio.
(S'allontana, Poi si arresta in disparte ad osservare)

SIMONE: Oh de' Fieschi implacata, orrida razza!
E tra cotesti rettili nascea
Quella pùra beltà?... Vederla io voglio...
Coraggio!
(Va alla porta del palazzo e batte tre colpi)
Muta è la magion de' Fieschi?
Dischiuse son le porte!...
Quale mistero!... entriam.
(Entra nel palazzo)

FIESCO:
T'inoltra e stringi
Gelida salma.

SIMONE (comparso sul balcone):
Nessuno!... qui sempre
Silenzio e tenebra!...
(Stacca il lanternino della Immagine, ed entra; s'ode un grido poco dopo)
Maria!... Maria!!

FIESCO:
L'ora suonò del tuo castigo...

SIMONE (esce dal palazzo atterrito):
È sogno!...
Sì; spaventoso, atroce sogno il mio!

VOCI (da lontano):
Boccanegra!...

SIMONE: Quai voci!

VOCI (più vicine):
Boccanegra!

SIMONE: Eco d'inferno è questo!...



PROLOGO
SCENA VII

Detti, Paolo, Pietro, Marinai, Popolo d'ambo i sessi con fiaccole accese.

PAOLO E PIETRO:
Doge il popol t'acclama!

SIMONE:
Via fantasmi!

PAOLO E PIETRO:
Che di' tu?...

SIMONE:
Paolo!... Ah!... una tomba...

PAOLO:
Un trono!...

FIESCO:
(Doge Simon... m'arde l'inferno in petto!..)

CORO:
Viva Simon, del popolo l'eletto!!!

(S'alzano le fiaccole, le campane suonano a stormo... tamburi, ecc., ed alle grida Viva Simone cala il sipario)



ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out

ATTO PRIMO
SCENA I

Giardino de' Grimaldi fuori di Genova.
Alla sinistra il palazzo; di fronte il mare. Spunta l'aurora.

Amelia osservando l'orizzonte.

I.: Come inquest'ora bruna
Sorridon gli astri e il mare!
Come s'unisce, o luna,
All'onda il tuo chiaror!
Amante amplesso pare
Di due verginei cor!
II.: Ma gli astri e la marina
Che pingono alla mente
Dell'orfana meschina?...
La notte atra, crudel,
Quando la pia morente
Sclamò: ti guardi il ciel.
III.: O altero ostel, soggiorno
Di stirpe ancor più altera,
Il tetto disadorno
Non obliai per te!...
Solo in tua pompa austera
Amor sorride a me..
(È giorno)
S'inalba il ciel, ma l'amoroso canto
Non s'ode ancora!...
Ei mi terge.ogni dì, come l'aurora
La rugiada dei fior, del ciglio il pianto.

UNA VOCE (lontana):
Cielo di stelle orbato,
Di fior vedovo prato,
È l'alma senza amor.

AMELIA: Ciel!... la sua voce!... È desso!...
Ei s'avvicina!... oh gioia!...
“Tutto m'arride l'universo adesso!...”

UNA VOCE (più vicina):
Se manca il cor che t'ama,
Non empiono tua brama
Gemme, possanza, onor.

AMELIA:
Ei vien!... l'amor
M'avvampa in seno
E spezza il freno
L'ansante cor!



ATTO PRIMO
SCENA II

Detta e Gabriele dalla destra.

GABRIELE:
Anima mia!

AMELIA:
Perché sì tardi giungi?

GABRIELE:
Perdona, o cara... I lunghi indugi miei
T'apprestano grandezza...

AMELIA:
Pavento...

GABRIELE:
Che?

AMELIA:
L'arcano tuo conobbi...
A me il sepolcro appresti,
Il patibolo a te!...

GABRIELE:
Che pensi?

AMELIA:
Io amo
Andrea qual padre, il sai;
Pur m'atterrisce... In cupa
Notte non vi mirai
Sotte le tetre volte errar sovente
Pensosi, irrequieti?

GABRIELE:
Chi?

AMELIA:
Tu, e Andrea,
E Lorenzino e gli altri...

GABRIELE:
Ah taci... il vento
Ai tiranni potria recar tai voci!
Parlan le mura... un delator s'asconde
Ad ogni passo...

AMELIA:
Tu tremi?...

GABRIELE:
I funesti.
Fantasmi scaccia!

AMELIA:
Fantasmi dicesti?
Vieni a mirar la cerula -
Marina tremolante;
Là Genova torreggia
Sul talamo spumante;
Là i tuoi nemici imperano,
Vincerli indarno speri...
Ripara i tuoi pensieri
Al porto dell'amor.

GABRIELE:
Angiol che dall'empireo
Piegasti a terra l'ale,
E come faro sfolgori
Sul tramite mortale,
Non ricercar dell'odio
I funebri misteri;
Ripara i tuoi pensieri
Al porto dell'amor.

AMELIA (passando a destra):
Ah!

GABRIELE:
Che mai fia?

AMELIA:
Vedi quell'uom?... qual ombra
Ogni dì appar.

GABRIELE:
Forse un rival?...



ATTO PRIMO
SCENA III

Detti, un'Ancella, quindi Pietro.

ANCELLA:
Del Doge
Un messaggier di te chiede.

AMELIA:
S'appressi.

(L'Ancella esce)

GABRIELE:
Chi sia veder vogl'io...

(Va per uscire)

AMELIA (fermandolo):
T'arresta.

PIETRO (inchinandosi ad Amelia):
Il Doge
Dalle caccie tornando di Savona
Questa magion visitar brama.

AMELIA:
Il puote.

(Pietro parte)



ATTO PRIMO
SCENA IV

Gabriele ed Amelia.

GABRIELE:
Il Doge qui?

AMELIA:
Mia destra a chieder viene.

GABRIELE:
Per chi?

AMELIA:
Pel favorito suo. - D'Andrea
Vola in cerca... T'affretta... va... prepara
Il rito nuzial...mi guida all'ara

A2:
Sì, sì dell'ara il giubilo
Contrasti il fato avverso,
E tutto l'universo
Io sfiderò con te.
Innamorato anelito
È del destin più forte,
Amanti oltre la morte
Sempre vivrai con me.

(Amelia entra nel palazzo)



ATTO PRIMO
SCENA V

Gabriele va per uscire dalla destra e incontra Andrea.

GABRIELE:
(Propizio giunge Andrea!)

ANDREA:
Sì mattutino
Qui?...

GABRIELE:
A dirti...

ANDREA:
Che ami Amelia.

GABRIELE:
Tu che lei vegli con paterna cura
A nostre nozze assenti?

ANDREA:
Alto mistero
Sulla vergine incombe.

GABRIELE:
E qual?

ANDREA:
Se parlo
Forse tu più non l'amerai.

GABRIELE:
Non teme
Ombra d'arcani l'amor mio!
T'ascolto.

ANDREA:
Amelia tua d'umile stirpe nacque.

GABRIELE:
La figlia dei Grimaldi!

ANDREA:
No - la figlia
Dei Grimaldi morì tra consacrate
Vergini in Pisa. Un'orfana raccolta
Nel chiostro il dì che fu d'Amelia estremo
Ereditò sua cella...

GABRIELE:
Ma come de' Grimaldi
Anco il nome prendea?...

ANDREA:
De' fuorusciti
Perseguia le ricchezze il nuovo Doge;
E la mentita Amelia alla rapace
Man sottrarle potea.

GABRIELE:
L'orfana adoro!

ANDREA:
Di lei se' degno.

GABRIELE:
A me fia dunque unita?

ANDREA:
In terra e in ciel!

GABRIELE:
Ah! tu mi dai la vita.

ANDREA:
Vieni a me, ti benedico
Nella pace di quest'ora,
Lieto vivi e fido adora
L'angiol tuo, la patria, il ciel!

GABRIELE:
Eco pio del tempo antico,
La tua voce è un casto incanto;
Serberà ricordo santo
De' tuoi detti il cor fedel.
(Squilli di trombe)
Ecco il Doge. Partiam. Ch'ei non ti scorga.

ANDREA:
Ah! presto il dì della vendetta sorga!

(Partono)


ATTO PRIMO
SCENA VI

Doge, Paolo e seguito, poi Amelia dal palazzo.

DOGE:
Paolo.

PAOLO:
Signor.

DOGE:
Ci spronano gli eventi,
Di qua partir convien.

PAOLO:
Quando?
Allo squillo dell'ora.
(Ad un cenno del Doge il corteggio s'avvia dalla destra)

PAOLO (nell'atto di partire scorge Amelia):
(Oh qual beltà!)


ATTO PRIMO
SCENA VII

Amelia e il Doge.

DOGE:
Favella il Doge
Ad Amelia Grimaldi?

AMELIA:
Così nomata sono.

DOGE:
E gli esuli fratelli tuoi non punge
Desio di patria?

AMELIA:
Possente... ma...

DOGE:
Intendo...
A me inchinarsi sdegnano i Grimaldi...
Così risponde a tanto orgoglio il
Doge...
(Le porge un foglio)

AMELIA (leggendo):
Che veggo!... il lor perdono?

DOGE:
E denno a te della clemenza il dono.
Dinne, perché in quest'eremo
Tanta beltà chiudesti?
Del mondo mai le fulgide
Lusinghe non piangesti?
Il tuo rossor mel dice...

AMELIA:
T'inganni, io son felice...

DOGE:
Agli anni tuoi l'amore...

AMELIA:
Ah mi leggesti in core!
Amo uno spirto angelico
Che ardente mi riama...
Ma di me acceso, un perfido,
L'orror dei Grimaldi brama...

DOGE:
Paolo!

AMELIA:
Quel vil nomasti!...
E poiché tanta
Pietà ti muove dei destini miei,
Vo' svelarti il segreto che mi ammanta...
Non sono una Grimaldi!...

DOGE:
Oh ! ciel... chi sei?...

AMELIA:
Orfanella il tetto umile
M'accogliea d'una meschina,
Dove presso alla marina
Sorge Pisa...

DOGE:
In Pisa tu?

AMELIA:
Grave d'anni quella pia
Era solo a me sostegno;
Io provai del ciel lo sdegno,
Colla tremola sua mano
Involata ella mi fu.
Pinta effigie mi porgea.
Le sembianze esser dicea
Della madre ignota a me.
Mi baciò, mi benedisse,
Levò al ciel, pregando, i rai...
Quante volte la chiamai
L'eco sol risposta diè.

DOGE (tra sé):
(Se la speme, o ciel clemente,
Fosse sogno!... estinto io sia
Ch'or sorride all'alma mia,
Della larva al disparir!)

AMELIA:
Come tetro a me dolente
S'appressava l'avvenir!

DOGE:
Dinne... alcun là non vedesti?...

AMELIA:
Uom di mar noi visitava...

DOGE:
E Giovanna si nomava
Lei che i fati a te rapîr?...

AMELIA:
Sì.

DOGE:
E l'effigie non somiglia
Questa?

(Trae dal seno un ritratto, lo porge ad Amelia, che fa altrettanto)

AMELIA:
Uguali son!...

DOGE:
Maria!...

AMELIA:
Il mio nome!...

DOGE:
Sei mia figlia.

AMELIA:
Io...

DOGE:
M'abbraccia, o figlia mia.

AMELIA:
Padre, padre il cor ti chiama!
Stringi al sen Maria che t'ama.

DOGE:
Figlia!... a tal nome palpito
Qual se m'aprisse i cieli...
Un mondo d'ineffabili
Letizie a me riveli;
Qui un paradiso il tenero
Padre ti schiuderà...
Di mia corona il raggio
La gloria tua sarà.

AMELIA:
Padre, vedrai la vigile
Figlia a te sempre accanto;
Nell'ora malinconica
Asciugherò il tuo pianto...
Avrem gioie romite
Note soltanto al ciel,
Io la colomba mite
Sarò del regio ostel.

(Amelia, accompagnata dal padre fino alla soglia, entra nel palazzo; il Doge la contempla estatico mentre ella si allontana)



ATTO PRIMO
SCENA VIII

Doge e Paolo dalla destra.

PAOLO:
Che rispose?

DOGE:
Rinunzia ogni speranza.

PAOLO:
Doge, nol posso!...

DOGE:
Il voglio.
(Parte)

PAOLO:
Il vuoi!... scordasti che mi devi il soglio?


ATTO PRIMO
SCENA IX

Paolo e Pietro dalla destra.

PIETRO:
Che disse?

PAOLO:
A me negolla.

PIETRO:
Che pensi tu?

PAOLO:
Rapirla.

PIETRO:
Come?

PAOLO:
Sul lido a sera
La troverai solinga.
Si tragga al mio naviglio;
Di Lorenzin si rechi
Alla magion.

PIETRO:
S'ei nega?

PAOLO:
Digli che so sue trame,
E presterammi aita...
Tu gran mercede avrai...

PIETRO:
Ella sarà rapita.

(Escono)



ATTO PRIMO
SCENA X

Sala del Consiglio nel Palazzo degli Abati.
Il Doge seduto sul seggio ducale; da un lato, dodici Consiglieri nobili; dall'altro lato, dodici Consiglieri popolani. Seduti a parte, quattro Consoli del mare e i ConnestabilL Paolo e Pietro stanno sugli ultimi seggi dei popolani. Un Araldo.

DOGE:
Messeri, il re di Tartaria vi porge
Pegni di pace e ricchi doni e annunzia
schiuso l'Eusin alle liguri prore.
Acconsentite?

TUTTI:
Sì.

DOGE:
Ma d'altro voto
Più generoso io vi richiedo.

ALCUNI:
Parla.

DOGE:
La stessa voce che tuonò su Rienzi;
Vaticinio di gloria e poi di morte,
Or su Genova tuona. - Ecco un messaggio
(Mostrando uno scritto)
Del romito di Sorga, ei per Venezia
Supplica pace...

PAOLO (interrompendolo):
Attenda alle sue rime
Il cantor della bionda Avignonese.

TUTTI (ferocemente):
Guerra a Venezia!

DOGE:
E con quest'urlo atroce
Fra due liti d'Italia erge Caino
La sua clava cruenta! - Adria e Liguria
Hanno patria comune.

TUTTI:
È nostra patria
Genova.
(Tumulto lontano)

PIETRO:
Qual clamor!

ALCUNI:
D'onde tai grida?

PAOLO (balzando e dopo essere accorso al verone):
Dalla piazza de' Fieschi.

TUTTI (alzandosi):
Una sommossa!

PAOLO (sempre alla finestra, lo ha raggiunto Pietro):
Ecco una turba di fuggenti.

DOGE:
Ascolta.
(Il tumulto si fa più forte)

PAOLO (origliando):
Si sperdon leparole...

VOCI INTERNE:
Morte!

TUTTI:
Morte!

PAOLO, PIETRO:
È lui?

DOGE (che ha udito ed è presso al verone):
Chi?

PIETRO:
Guarda.

DOGE (guardando):
Ciel! Gabriele Adorno
Dalla plebe assalito... accanto ad esso
Combatte un Guelfo. A me un araldo.

PIETRO (sommesso):
(Paolo,
Fuggi o sei côlto).

DOGE (guardando Paolo che s'avvia):
Consoli del mare,
Custodite le soglie! Olà, chi fugge
È un traditor.
(Paolo confuso s'arresta)

VOCI (in piazza):
Morte ai patrizi!
CONSIGLIERI NOBILI (sguainando le spade):
All'armi!

VOCI (in piazza):
Viva il popolo!

CONSIGLIERI POPOLANI (sguainando le spade):
Evviva!

DOGE:
E che? voi pure?
Voi; qui!! vi provocate?

VOCI (in piazza):
Morte al Doge.

DOGE:
(ergendosi con possente alterezza; sara giunto l'araldo):
Morte al Doge? sta ben. - Tu, araldo, schiudi
Le porte del palagio e annuncia al volgo
Gentilesco e plebeo ch'io non lo temo
Che le minaccie udii, che qui li attendo...
Nelle guaine i brandi.
(Ai Consiglieri che ubbidiscono)

VOCI (in piazza):
Armi! saccheggio!
Fuoco alle case!

ALTRE VOCI:
Ai trabocchi!

ALTRE
Alla gogna!

DOGE:
Squilla la tromba dell'araldo... ei parla...
(Una tromba lontana. Tutti stanno attenti origliando. Silenzio)
Tutto è silenzio....

UNO SCOPPIO DI GRIDA:
Evviva!

VOCI:(più vicine):
Evviva il Doge!

DOGE:
Ecco le plebi!


ATTO PRIMO
SCENA XI

Irrompe la folla dei popolani, i Consiglieri, ecc., ecc, molte donne, alcuni fanciulli, il Doge, Paolo, Pietro. I Consiglieri nobili sempre divisi dai popopolani. Adorno e Fiesco afferrati dal popolo.

POPOLO:
Vendetta! vendetta!
Spargasi il sangue del fiero uccisor!

DOGE (ironicamente):
Quest'è dunque del popolo la voce?
Da lungi tuono d'uragan, da presso
Gridio di donne e di fanciulli. Adorno,
Perché impugni l'acciar?

GABRIELE:
Ho trucidato
Lorenzino.

POPOLO:
Assassin!

GABRIELE:
Ei la Grimaldi
Aveva rapita.

DOGE:
(Orror!)

POPOLO:
  Menti!

GABRIELE:
Quel vile
Pria di morir disse che un uom possente
Al crimine l'ha spinto.

PIETRO (a Paolo):
(Ah! sei scoperto!)

DOGE (con agitazione):
E il nome suo?

GABRIELE (fissando il Doge con tremenda ironia):
T'acqueta! il reo si spense
Pria di svelarlo.

DOGE:
Che vuoi dir?

GABRIELE (terribilmente):
Pel cielo!
Uom possente tu se'!

DOGE (a Gabriele):
Ribaldo!

GABRIELE (al Doge slanciandosi):
Audace
Rapitor di fanciulle!

ALCUNI:
Si disarmi!

GABRIELE:
Empio corsaro incoronato! muori!

(Disvincolandosi e correndo per ferire il Doge)



ATTO PRIMO
SCENA XII

Amelia e detti.

AMELIA (entrando ed interponendosi fra i due assalitori e il Doge):
Ferisci!

DOGE, FIESCO, GABRIELE:
Amelia!

TUTTI:
Amelia!

AMELIA:
O Doge... ah salva...
Salva l'Adorno tu.

DOGE:
Nessun l'offenda.
(Alle guardie che si sono impossessate di Gabriele per disarmarlo)
Cade l'orgoglio e al suon del suo dolore
Tutta l'anima mia parla d'amore...
Amelia, di' come tu fosti rapita
E come al periglio potesti campar.

AMELIA:
Nell'ora soave che all'estasi invita
Soletta men givo sul lido del mar.
Mi cingon tre sgherri, m'accoglie un naviglio.

POPOLO:
Orror!

AMELIA:
Soffocati non valsero i gridi...
Io svenni e al novello dischiuder del ciglio
Lorenzo in sue stanze presente mi vidi....

TUTTI:
Lorenzo!

AMELIA:
Mi vidi prigion dell'infame!
Io ben di quell'alma sapea la viltà.
Al Doge, gli dissi, fien note tue trame
Se a me sull’istante non dài libertà.
Confuso di tema, mi schiuse le porte …
Salvarmi l’audace minaccia potea…

TUTTI
Ei ben meritava, quell’empio, la morte.

AMELIA
V’è un più nefando che illeso qui sta.

TUTTI
Chi dunque?

AMELIA
(fissando Paolo che sta dietro un gruppo di persone)
Ei m’ascolta… discerno le smorte
Sue labbra

DOGE E GABRIELE
Chi è dunque?

POPOLANI
(minacciosi)
Un patrizio.

NOBILI
(c.s.)
Un plebeo

POPOLANI
Abbasso le spade!

AMELIA
Terribili gridi!

NOBILI
(ai popolani)
Abbasso le scuri!

AMELIA:
Pietà!

DOGE (possentemente):
Fratricidi!!!
Plebe! Patrizi! Popolo
Dalla feroce storia!
Erede sol dell'odio
Dei Spinola e dei D'Oria,
Mentre v'invita estatico
Il regno ampio dei mari,
Voi nei fraterni lari
Vi lacerate il cuor.
Piango su voi, sul placido
Raggio del vostro clivo
Là dove invan germoglia
Il ramo dell'ulivo.
Piango sulla mendace
Festa dei vostri fior,
E vo gridando: pace!
E vo gridando: amor!

AMELIA (a Fiesco):
(Pace! lo sdegno immenso
Raffrena per pietà!
Pace! t'ispiri un senso
Di patria carità)

PIETRO (a Paolo):
(Tutto fallì, la fuga
Sia tua salvezza almen)

PAOLO (a Pietro):
(No, l'angue che mi fruga
È gonfio di velen)

GABRIELE:
(Amelia è salva, e m'ama!
Sia ringraziato il ciel!
Disdegna ogni altra brama
L'animo mio fedel)

FIESCO:
(O patria! a qual mi serba
Vergogna il mio sperar!
Sta la città superba
Nel pugno d'un corsar!)

CORO (fissando il Doge):
Il suo commosso accento
Sa l'ira in noi calmar;
Vol di soave vento
Che rasserena il mar.

GABRIELE (offrendo la spada al Doge:
Ecco la spada.

DOGE:
Questa notte sola
Qui prigione sarai, finché la trama
Tutta si scopra. - No, l'altera lama
Serba, non voglio che la tua parola.

GABRIELE:
E sia!

DOGE (con forza terribile):
Paolo!

PAOLO (sbucando dalla folla allibito):
Mio Duce!

DOGE (con tremenda maestà e con violenza sempre piu' formidabile):
In te risiede
L'austero dritto popolar, è accolto
L'onore cittadin nella tua fede:
Bramo l'ausiglio tuo... V'è in queste mura
Un vil che m'ode e impallidisce in volto,
Già la mia man l0 afferra per le chiome.
Io so il suo nome...
È nella sua paura.
Tu al cospetto del ciel e al mio cospetto
Sei testimon. - Sul manigoldo impuro
Piombi il tuon del mio detto:
Sia maledetto! e tu ripeti il giuro.
(Con immensa forza)

PAOLO (atterrito e tremante):
Sia maledetto...
(Orror!)

TUTTI:
Sia maledetto!!!

ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out

ATTO SECONDO
SCENA I

Stanza del Doge nel Palazzo Ducale in Genova.
Porte laterali. Da un poggiolo si vede la città. Un tavolo: un 'anfora e una tazza. Annotta.

Paolo e Pietro.

PAOLO (a Pietro traendolo verso il poggiolo):
Quei due vedesti?

PIETRO:
Sì.

PAOLO:
Li traggi tosto
Dal carcer loro per l'andito ascoso,
Che questa chiave schiuderà.

PIETRO:
T'intesi.

(Esce)



ATTO SECONDO
SCENA II

Paolo

PAOLO:
Me stesso ho maledetto!
E l'anatéma
M'insegue ancor... e l'aura ancor ne trema!
Vilipeso... reietto
Dal Senato e da Genova, qui vibro
L'ultimo strai pria di fuggir, qui libro
La sorte tua, Doge, in quest'ansia estrema.
Tu, che m'offendi e che mi devi il trono,
Qui t'abbandono
Al tuo destino
In questa ora fatale...
(Estrae un'ampolla, ne vuota il contenuto nella tazza)
(Qui ti stillo una lenta, atra agonia...
Là t'armo un assassino.
Scelga morte sua via
Fra il tosco ed il pugnale.

ATTO SECONDO
SCENA III

Detto, Fiesco e Gabriele dalla destra, condotti da Pietro, che si ritira.

FIESCO:
Prigioniero in qual loco m'adduci?

PAOLO:
Nelle stanze del Doge, e favella
A te Paolo.

FIESCO:
I tuoi sguardi son truci...

PAOLO:
Io so l'odio che celasi in te.
Tu m'ascolta.

FIESCO:
Che brami?

PAOLO:
Al cimento
Preparasti de' Guelfi la schiera?

FIESCO:
Sì.

PAOLO:
Ma vano fia tanto ardimento!
Questo Doge, abborrito da me
Quanto voi l'abborrite, v'appresta
Nuovo scempio...

FIESCO:
Mi tendi un agguato.

PAOLO:
Un agguato?... Di Fiesco la testa
Il tiranno segnata non ha?...
Io t'insegno vittoria. -

FIESCO:
A qual patto?

PAOLO:
Trucidarlo qui, mentre egli dorme.

FIESCO:
Osi a Fiesco proporre un misfatto?

PAOLO:
Th rifiuti?

FIESCO:
Sì.

PAOLO:
Al carcer ten va.

(Fiesco parte dalla destra; Gabriele fa per seguirlo, ma è arrestato da Paolo)



ATTO SECONDO
SCENA IV


Paolo e Gabriele.

PAOLO:
Udisti?

GABRIELE:
Vil disegno!

PAOLO:
Amelia dunque mai tu non amasti?

GABRIELE:
Che dici?

PAOLO:
È qui.

GABRIELE:
Qui Amelia! -

PAOLO:
E del vegliardo
Segno è alle infami dilettanze.

GABRIELE:
Astuto
Dimon, cessa...
(Paolo corre a chiuder la porta di destra)
Che fai?

PAOLO:
Da qui ogni varco t'è conteso. - Ardisci
Il colpo... O sepoltura
Avrai fra queste mura.

(Parte frettoloso dalla porta sinistra, che si chiude dentro)



ATTO SECONDO
SCENA V

Gabriele

GABRIELE (solo):
O inferno! Amelia qui! L'ama il vegliardo!...
E il furor che m'accende
M'è conteso sfogar!... Tu m'uccidesti
Il padre... tu m'involi il mio tesoro...
Trema, iniquo... già troppa era un'offesa,
Doppia vendetta hai sul tuo capo accesa.
Sento avvampar nell'anima
Furente gelosia;
Tutto il suo sangue spegnerne
L'incendio non potria;
S'ei mille vite avesse,
Se mieterle potesse
D'un colpo il mio furor,
Non sarei sazio ancor.
Che parlo!... Ohimè!...
Piango!... pietà, gran Dio, del mio martiro!...
Pietoso cielo, rendilà,
Rendila a questo core,
Pura siccome l'angelo
Che veglia al suo pudore;
Ma se una nube impura
Tanto candor m'oscura,
Priva di sue virtù,
Ch'io non la vegga più.


ATTO SECONDO
SCENA VI

Detto ed Amelia dalla sinistra.

AMELIA:
Tu qui?...

GABRIELE:
Amelia!

AMELIA:
Chi il varco t'apria?

GABRIELE:
E tu come qui?

AMELIA:
Io...

GABRIELE:
Ah sleale!

AMELIA:
Ah crudele!...

GABRIELE:
Il tiranno ferale...

AMELIA:
Il rispetta...

GABRIELE:
Egli t'ama...

AMELIA:
D'amor
Santo...

GABRIELE:
E tu?...

AMELIA:
L'amo al pari...

GABRIELE:
E t'ascolto,
Né t'uccido?

AMELIA:
Infelice!... mel credi,
Pura io sono...

GABRIELE:
Favella.

AMELIA:
Concedi
Che il segreto non aprasi ancor.

GABRIELE:
Parla - in tuo cor virgineo
Fede al diletto rendi -
Il tuo silenzio è funebre
Vel che su me distendi.
Dammi la vita o il feretro,
Sdegno la tua pietà.

AMELIA:
Sgombra dall'alma il dubbio...
Santa nel petto mio
L'immagin tua s'accoglie
Come nel tempio Iddio.
No, procellosa tenebra
Un ciel d'amor non ha.
(S'ode uno squillo)
Il Doge vien - scampo non hai -
T'ascondi!

GABRIELE:
No.

AMELIA:
Il patibol t'aspetta.

GABRIELE:
Io non lo temo.

AMELIA:
Nell'ora stessa teco avrò morte...
Se non ti move di me pietà.

GABRIELE:
Dite pietade?... (Tra sé)
(Lo vuol la sorte...
Si compia il fato... Egli morrà..)

(Amelia nasconde Gabriele sul poggiolo)


ATTO SECONDO
SCENA VII

Detta e il Doge, ch'entra dalla destra leggendo un foglio.

DOGE:
Figlia!...

AMELIA:
Sì afflitto, o padre mio?

DOGE:
T'inganni...
Ma tu piangevi.

AMELIA:
Io...

DOGE:
La cagion m'è nota
Delle lagrime tue... Già mel dicesti...
Ami; e se degno fia
Dite l'eletto del tuo core...

AMELIA:
O padre,
Fra' Liguri il più prode, il più gentile...

DOGE:
Il noma.

AMELIA:
Adorno...

DOGE:
Il mio nemico!

AMELIA:
Padre!...

DOGE:
Vedi qui scritto il nome suo?... congiura
Coi Guelfi...

AMELIA:
Ciel!... perdonagli!...

DOGE:
Nol posso.

AMELIA:
Con lui morrò...

DOGE:
L'ami cotanto?

AMELIA:
Io l'amo
D'ardente, d'infinito amor. O al tempio
Con lui mi guida, o sopra entrambi cada
La scure del carnefice...

DOGE:
O crudele
Destino! O dileguate mie speranze!
Una figlia ritrovo; ed un nemico
A me la invola... Ascolta:
S'ei ravveduto...

AMELIA:
Il fia...

DOGE:
Forse il perdono
Allor...

AMELIA:
Padre adorato!...

DOGE:
Ti ritraggi -
Attender qui degg'io l'aurora...

AMELIA:
Lascia
Ch'io vegli al fianco tuo...

DOGE:
No, ti ritraggi...

AMELIA:
Padre!...

DOGE:
Il voglio...

AMELIA (entrando a sinistra):
(Gran Dio! come salvarlo?)

ATTO SECONDO
SCENA VIII

Il Doge e Gabriele nascosto.

DOGE:
Doge! ancor proveran la tua clemenza
I traditori? - Di paura segno
Fora il castigo. - M'ardono le fauci.
(Versa dall'anfora nella tazza e beve)
Perfin l'onda del fonte è amara al labbro
Dell'uom che regna... O duol... la mente è oppressa...
Stanche le membra... ahimè... mi vince il sonno. (Siede)
Oh! Amelia..; ami... un nemico...

(S'addormenta)

GABRIELE (entra con precauzione, s'avvicina al Doge e lo contempla):
Ei dorme!... quale
Sento ritegno?... E riverenza o tema?...
Vacilla il mio voler?... Th dormi, o veglio,
Del padre mio carnefice, tu mio
Rival... Figlio d'Adorno!... la paterna
Ombra ti chiama vindice...

(Brandisce un pugnale e va per trafiggere il Doge, ma Amelia, che era ritornata, va rapidamente a porsi tra esso ed il padre)



ATTO SECONDO
SCENA IX


Detti ed Amelia.

AMELIA:
Insensato! Vecchio inerme il tuo braccio colpisce!

GABRIELE:
Tua difesa mio sdegno raccende.

AMELIA:
Santo, il giuro, è l'amor che ci unisce,
Né alle nostre speranze contende.

GABRIELE:
Che favelli?...

DOGE (destandosi):
 
Ah!...

AMELIA:
Nascondi il pugnale,
Vien... ch'ei t'oda...

GABRIELE:
Prostrarmi al suo piede?

DOGE (entra improvvisamente fra loro, dicendo a Gabriele):
Ecco il petto... colpisci, sleale!

GABRIELE:
Sangue il sangue d'Adorno ti chiede.

DOGE:
E fia ver?... chi t'aprì queste porte?

AMELIA:
Non io.

GABRIELE:
Niun quest'arcano saprà.

DOGE:
Il dirai fra tormenti...

GABRIELE:
La morte,
Tuoi supplizi non temo.

AMELIA:
Ah pietà!

DOGE:
Ah quel padre tu ben vendicasti,
Che da me contristato già fu...
Un celeste tesor m'involasti...
La mia figlia...

GABRIELE:
Suo padre sei tu!!!
Perdono, Amelia - Indomito
Geloso amor fu il mio...
Doge, il velame squarciasi...
Un assassin son io..
Dammi la morte; il ciglio
A te non oso alzar.

AMELIA:
(Madre, che dall'empireo
Proteggi la tua figlia,
Del genitor all'anima
Meco pietà consiglia...
Ei si rendea colpevole
Solo per troppo amor)

DOGE:
(Deggio salvarlo e stendere
La mano all'inimico?
Sì - pace splenda ai Liguri,
Si plachi l'odio antico;
Sia d'amistanze italiche
Il mio sepolcro altar)

CORO (interno):
All'armi, all'armi, o Liguri,
Patrio dover v'appella -
Scoppiò dell'ira il folgore;
E notte di procella.
Le guelfe spade cingano
Di tirannia lo spalto -
Del coronato veglio,
Su, alla magion, l'assalto.

AMELIA (corre alpoggiolo):
Quai gridi?...

GABRIELE:
I tuoi nemici..

DOGE:
Il so.

AMELIA:
S'addensa
Il popolo.

DOGE (a Gabriele):
T'unisci a' tuoi...

GABRIELE:
Che pugni
Contro dite?... mai più.

DOGE:
Dunque messaggio.
Ti reca lor di pace,
E il sole di domani
Non sorga a rischiarar fraterne stragi.

GABRIELE:
Teco a pugnar ritorno,
Se la clemenza tua non li disarmi.

DOGE (accennando Amelia):
Sarà costei tuo premio.

GABRIELE E AMELIA:
O inaspettata gioia!

AMELIA:
O padre!

DOGE E GABRIELE (snudando le spade):
All'armi!

ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out

ATTO TERZO
SCENA I

Interno del Palazzo Ducale.
Di prospetto grandi aperture dalle quali sorgerà Genova illuminata a festa: in fondo il mare.

Un capitano dei balestrieri, con Fiesco, dalla destra, poi dalla sinistra Paolo in mezzo alle guardie.

GRIDA (interne):
Evviva il Doge!

ALTRE GRIDA:
Vittoria! Vittoria!

CAPITANO (rimettendo a Fiesco la sua spada):
Libero sei: ecco la spada.

FIESCO:
E i Guelfi?

CAPITANO:
Sconfitti.

FIESCO:
O triste libertà! -
(A Paolo:) Che?... Paolo?!
Dove sei tratto?
PAOLO (arrestandosi):
All'estremo supplizio.
Il mio demonio mi cacciò fra l'armi
Dei rivoltosi e là fui colto; ed ora
Mi condanna Simon; ma da me prima
Fu il Boccanegra condannato a morte.

FIESCO:
Che vuoi dir?

PAOLO:
Un velen..., più nulla io temo,
Gli divora la vita.

FIESCO (a Paolo):
 
Infame!

PAOLO:
Ei forse
Già mi precede nell'avel!...

CORO INTERNO:
(Dal sommo delle sfere
Proteggili, o Signor;
Di pace sien foriere
Le nozze dell'amor)

PAOLO:
Ah! orrore!!
Quel canto nuzial, che mi persegue,
L'odi?... in quel tempio Gabriello Adorno
Sposa colei ch'io trafugava...

FIESCO (sguainando la spada):
Amelia?!
Tu fosti il rapitor?! Mostro!!

PAOLO:
Ferisci.

FIESCO (trattenendosi):
Non lo sperar; sei sacro alla bipenne.

(Le guardie trascinano Paolo fuori di scena)


ATTO TERZO
SCENA II

Fiesco

FIESCO (solo):
Inorridisco!... no,
Simon non questa
Vendetta chiesi, d'altra meta degno
Era il tuo fato. -Eccolo... il Doge. - Alfine
È giunta l'ora di trovarci a fronte!

(Si ritira in un angolo d'ombra)



ATTO TERZO
SCENA III

Il Doge: lo precede il Capitano con un trombettiere, Fiesco in disparte.

CAPITANO (al verone):
Cittadini! per ordine del Doge
S'estinguano le faci e non s'offenda
Col clamor del trionfo i prodi estinti.
(Esce seguito dal trombettiere)

DOGE:
M'ardon le tempia... un'atra vampa sento
Serpeggiar per le vene... Ah! ch'io respiri
L'aura beata del libero cielo!
Oh refrigerio!... la marina brezza!...
Il mare!... il mare!... quale in rimirarlo
Di glorie e di sublimi rapimenti
Mi si affaccian ricordi! - Il mare!... il mare!...
Perché in suo grembo non trovai la tomba?...

FIESCO (avvicinandosi):
Era meglio per te!

DOGE:
Chi osò inoltrarsi?...

FIESCO:
Chi te non teme...

DOGE (verso la destra chiamando):
Guardie?

FIESCO:
Invan le appelli...
Non son qui i sgherri tuoi -
M'ucciderai, ma pria m'odi...

DOGE:
Che vuoi?

(I lumi della città e del porto cominciano a spegnersi)

FIESCO:
Delle faci festanti al barlume
Cifre arcane, funebri vedrai -Tua sentenza la mano del nume
Sopra queste pareti vergò.
Di tua stella s'eclissano i rai;
La tua porpora in brani già cade;
Vincitor fra le larve morrai
Cui la tomba tua scure negò.

DOGE:
Quale accento?

FIESCO:
Lo udisti un'altra volta.

DOGE:
Fia ver? - Risorgon dalle tombe i morti?

FIESCO:
Non mi ravvisi tu?

DOGE:
Fiesco!...

FIESCO:
Simone,
I morti ti salutano!

DOGE:
Gran Dio!...
Compiuto alfin di quest'alma è il desio!

FIESCO:
Come fantasima
Fiesco t'appar,
Antico oltraggio
A vendicar.

DOGE:
Di pace nunzio
Fiesco sarà,
Suggella un angelo
Nostra amistà.

FIESCO:
Che dici?

DOGE:
Un tempo il tuo perdon m'offristi...

FIESCO:
Io?

DOGE:
Se a te l'orfanella concedea
Che perduta per sempre allor piangea,
In Amelia Grimaldi a me fu resa,
E il nome porta della madre estinta.

FIESCO:
Cielo!... perché mi splende il ver sì tardi?

DOGE:
Piangi?... Perché da me volgi gli sguardi?...

FIESCO:
Piango, perché mi parla
In te del ciel la voce;
Sento rampogna atroce
Fin nella tua pietà.

DOGE:
Vien, ch'io ti stringa al petto,
O padre di Maria;
Balsamo all'alma mia
Il tuo perdon sarà.

FIESCO:
Ahimè! morte sovrasta... un traditore
Il velen t'apprestò.

DOGE:
Tutto favella,
Il sento, a me d'eternità...

FIESCO:
Crudele Fato!

DOGE:
Ella vien...

FIESCO:
Maria...

DOGE:
Taci, non dirle...
Anco una volta benedirla voglio.

(S'abbandona sopra un seggiolone)



ATTO TERZO
SCENA ULTIMA

Detti, Maria, Gabriele, Senatori, Dame, Gentiluomini, Paggi con torce, ...

MARIA (vedendo Fiesco):
Chi veggo!...

DOGE:
Vien...

GABRIELE:
(Fiesco!)

MARIA (a Fiesco):
Tu qui!

DOGE:
Deponi
La meraviglia - In Fiesco il padre vedi
Dell'ignota Maria, che ti die' vita.

MARIA:
Egli?... Fia ver?...

FIESCO:
Maria!...

MARIA:
Oh gioia! Dunque
Gli odii funesti han fine!...

DOGE:
Tutto finisce, o figlia...

MARIA:
Qual ferale
Pensier t'attrista sì sereni istanti?

DOGE:
Maria, coraggio... A gran dolor
t'appresta...

MARIA (a Gabriele):
Quali accenti! oh terror!

DOGE:
Per me l'estrema
Ora suonò!
(Sorpresa generale)

MARIA, GABRIELE:
Che parli?...

DOGE:
Ma l'Eterno
In tue braccia, o Maria,
Mi concede spirar...

MARIA, GABRIELE (cadendo a'piedi del Doge):
Possibil fia?...

DOGE (sorge, e imponendo sul loro capo le mani solleva gli occhi al cielo, e dice):
Gran Dio, li benedici
Pietoso dall'empiro;
A lor del mio martiro
Cangia le spine in fior.

MARIA:
No, non morrai, l'amore
Vinca di morte il gelo,
Risponderà dal cielo
Pietade al mio dolor.

GABRIELE:
O padre, o padre, il seno
Furia mi squarcia atroce...
Come passò veloce
L'ora del lieto amor!

FIESCO:
Ogni letizia in terra
È menzognero incanto,
D'interminato pianto
Fonte è l'umano cor.

DOGE:
T'appressa, o figlia... io spiro...
Stringi... il morente... al cor! ...

CORO:
Sì - piange, piange, è vero,
Ognor la creatura;
S'avvolge la natura
In manto di dolor!

DOGE:
Senatori, sancite il voto estremo. -
(I Senatori s'appressano)
Questo serto ducal la fronte cinga
Di Gabriele Adorno. -
Tu, Fiesco, compi il mio voler...
Maria!!!
(Spira)

MARIA GABRIELE (s'inginocchiano davanti al cadavere):
O padre!...

FIESCO (s'avvicina al verone circondato da'Senatori e paggi che alzano lefiaccole):
Genovesi!... In Gabriele
Adorno il vostro Doge or acclamate.
voci (dalla piazza):
No - Boccanegra!!!

FIESCO:
È morto...
Pace per lui pregate!...

(Lenti e gravi tocchi di campana. Tutti s'inginocchiano).


ATTO/scena In
P 1 2 3 4 5 6 7
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9
III 1 2 3 4
Out

FINE






data di modifica: 11/07/2003