torna alla versione originale del documento

Verdi 200  19/04/2014

Oberto conte di San Bonifacio

Oberto conte di San Bonifacio
Dramma in due atti
Musica di Giuseppe Verdi
Libretto di Temistocle Solera


ATTO/scena In
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Out


Cuniza, sorella di Ezzelino da Romano, Mezzosoprano
Riccardo, Conte di Salinguerra, Tenore
Oberto, Conte di San Bonifacio, Basso
Leonora, sua figlia, Soprano
Imelda, confidente di Cuniza, Mezzosoprano
Cavalieri, Dame, Vassalli


L'azione è in Bassano nel castello d'ezzelino e sue vicinanze. Epoca 1228.


ATTO/scena In
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Out

ATTO PRIMO
SCENA I

Deliziosa campagna. alla sinistra, in poca lontananza, scorgesi Bassano.

Cavalieri, Dame, vassalli, vengono ad incontrare il Conte di Salinguerra.

CORO:
Di vermiglia, amabil luce
appar tremula sull'onda
una stella che ne adduce,
vinte l'ombre, un lieto dì.
Par che ogn'astro a lei davante
fugga e timido s'asconda:
è la stella che il sembiante
d'Amatunzia in ciel vestì.
Guidati propizio genio a noi;
in questo suolo il gaudio
spargere ancor tu puoi;
scorran di guerra i turbini
per l'itale città,
al fortunato talamo
la pace arriderà.

RICCARDO:
Son fra voi! Già sorto è il giorno
che affrett‚ i desir miei:
questi plausi a me d'intorno,
questi voti io devo a lei,
a lei sola che m'invita
alle gioie dell'amor.

CORO:
Oh felici! omai compita
è la speme d'ogni cor.

RICCARDO:
Già parmi udire il fremito
degl'invidi nemici!
Le balde lor cervici
protrate al suol vedrò.
Oh! chi vi salva al turbine
dei Salinguerra offesi?
Ad Ezzelino ascesi, gli stolti abbatterò.

CORO:
Vieni fra lieti plausi
ove t'attende amor,
vedrai più bello fulgere
degli avi lo splendor.


ATTO PRIMO
SCENA II

Leonora

LEONORA:
Ah, sgombro è il loco alfin! L'insana gioia
all'abborrite torri
porta la turba de' vassalli, e intanto
almen qui tace delle nozze il canto! . . .
Nozze? . . . Con altra donna?
Inaspettata io pur sarovvi! . . . anch'io
reco a quell'ara il giuramento mio.
Oh padre! Di qual duolo
cagion ti fia quest'infelice, quando
lunge dal patrio suolo
di te indegna l'udrai? Ma vendicato
sarà l'oltraggio, e questo
è il giorno in cui la mia vendetta appresto.
Sotto il paterno tetto
un angiol m'apparia
radiante nell'aspetto
d'amore e di beltà.
Di speme a me nudria
il core innamorato . . .
Ah! Mi tradì l'ingrato,
tolto ogni gioia ei m'ha.
Oh, potessi nel mio core
soffocar l'immenso amore!
D'innocenza al primo giorno,
oh, potessi ritornar!
Io sognavo allor Cherùbi
su dorate e bianche nubi;
ora i triboli e lo scorno,
ora il pianto e il sospirar.

(Si allontana verso l'abitato)


ATTO PRIMO
SCENA III

Oberto

OBERTO:
Oh patria terra, alfin io ti rivedo,
terra sì cara e desiata! Ognora
in sul lido ospital, che m'accogliea,
sempre di te la mente si pascea!
Triste cagion mi scorge,
patria diletta, a te . . . Di nuovo pianto
vengo a bagnarti, o dolce suol natio,
poi dovrò dirti un'altra volta addio!
Se lo scritto fatal della sorella
non mi tragge in inganno,
dovrebbe esser qui guinta. Ahi lasso! E dove
trovar ti debbo, o figlia ingrata! . . . io fremo . . .
Forse al padre segnasti il giorno estremo!


ATTO PRIMO
SCENA IV

Leonora, Oberto

LEONORA:
Al cader della notte
denno le nozze incominciar! Ben sia!
In fosca luce avvolta,
potrò meglio al castello
recarmi inosservata . . . Oh ciel! . . . chi vedo! . . .

OBERTO:
Qual voce! . . . è dessa!

LEONORA:
Tu! . . . padre!

OBERTO:
Son io!

LEONORA:
In qual luogo il rivedo, eterno Iddio!

OBERTO:
Guardami! Sul mio ciglio
vedi del duol le impronte!
Nell'impudica fronte
sculto il terror ti sta!
Non ti bastò il periglio
d'un padre sventurato . . .
L'onore hai tu macchiato
di sua cadente età.

LEONORA:
Padre! Mi strazii l'anima . . .
Quel guardo mi spaventa!
O vendicata, o spenta
la figlia tua sarà.
A una tradita e misera
dona un amplesso, o padre . . .
Ten prega in ciel la madre,
gioia nel ciel ne avrà.

OBERTO:
La madre tua? . . .

LEONORA:
Dal cielo
vede il mio pianto e gemme!

OBERTO:
Vede il tuo fallo e freme . . .
Taci, ti scosta, va!

LEONORA:
Del tuo favor soccorrimi,
ciel, che agli afflitti arridi!
Or che a me presso il guidi,
salvami il genitor!

OBERTO:
Del braccio tuo soccorrimi,
ciel, che agli oppressi arridi!
Io venni a questi lidi
vindice dell'onor!
Odi! In quell'alte torri
il seduttor si cela . . .
Ivi il delitto svela;
lavi l'infamia, o mora . . .
Ti fia concesso allora
del padre tuo l'amor.

LEONORA:
Sì! Fra quell'alte torri
la voce mia risuoni!
Piombi sull'ara e tuoni
spavento allo spergiuro . . .
Rimeritarmi io giuro
del padre mio l'amor.

OBERTO:
Un amplesso ricevi, o pentita;
ti fia pegno al perdono promesso.
Ma se infamia anteponi alla vita,
fia l'estremo che ottieni da me!

LEONORA:
Affidata del padre all'amplesso
di me stessa mi sento maggiore;
se l'infamia antepongo all'onore,
fia l'estremo che ottengo da te.

(Partono verso Bassano)


ATTO PRIMO
SCENA V

Magnifica sala nel palazzo di Ezzelino.

CORO:
Fidanzata avventurosa,
vieni a noi col tuo fedel!
Sembri l'alba che di rosa
piange, adorna e schiara il ciel.
Qual d'Eugania sulle spalle
nivea falda, hai puro il cor;
a te il giglio della valle
cede il vanto nel candor.
E' del cielo il tuo bel viso
un'imagine quaggiù;
sul tuo labbro sta il sorriso,
e nel core la virtù.


ATTO PRIMO
SCENA VI

Cuniza, Riccardo, Imelda, Coro

CUNIZA:
Basta, basta, o fedeli! In questo giorno
del vostro amor novelle prove io vedo!
Ve ne compensi il ciel! Ite, fra poco
a me vi chiamerò.

RICCARDO:
Cuniza, ah, parmi
che in sì bel giorno un velo
copra tua vaga fronte.

CUNIZA:
Ah, invan lo celo!
Il pensier d'un amore felice
sembra un sogno, mio bene, per me!
Ma spiegar quanto il core mi dice
Questa gioia che il petto m'innonda,
è commista a un arcana timor,
e mi par che una voce profonda
lamentosa mi suoni nel cor.

RICCARDO:
Nuovo di per te splenda sereno,
ah, distruggi ogni vano timor!
Una voce ti sorga nel seno
che ti parli di gioia e d'amor!
Presso all'aria un'imagin funesta
non recare in tal giorno con te;
se una triste memoria ti resta,
fia sorgente d'affanno per me.

CUNIZA:
Ah, perdona!

RICCARDO:
Consoli un sorriso
chi tuo sposo in brev'ora sarà.
Far il timore e la speme diviso
questo core spiegarsi non sa!

CUNIZA:
Pari a un sogno che non dura
sono, il credi, i dubbi miei.

RICCARDO:
Ti rinfranca, t'assicura,
senza te morir vorrei! . . .
Questa mano omai ritorni
la tua gloria, la tua calma;
un sol core, una sol'alma
or di noi si formerà.
Scorreranno i noestri giorni
come limpido ruscello,
finchè morte dall'avello
(Partono)
nostre salme chiederà.


ATTO PRIMO
SCENA VII

Imelda, Leonora

IMELDA:
Alta cagione adunque
nel castello ti guida? . . .

LEONORA:
E tal che assai la suora d'Ezzelino
interesse ne avrà.

IMELDA:
Fa cor, straniera!
Attendi in questo loco . . .
Verrà la principessa a te fra poco.

LEONORA:
Ah, perchè tanto in petto
ora mi balzi, o cor? . . . Il padre mio
là celato m'ascolta! . . . Il suo perdono
meritarmi saprò . . . Dinanzi all'empio
me non vegga tremante.
M'assisti, o cielo, nel tremendo istante!

CUNIZA:
Bella straniera, che richiedi?

LEONORA:
Fama di tue virtudi al tuo cospetto or guida
un'infelice.

CUNIZA:
Franco parla.

LEONORA:
Ebbene . . .
D'un misero la figlia
vedi dinanzi a te; d'Oberto forse
il nome non t'è ignoto.

CUNIZA:
Ah! D'Oberto il nemico? . . .

LEONORA:
Somesso parla . . . In queste mura il piede
meco egli reca.

CUNIZA:
Nel castello? Oh cielo!

LEONORA:
Ira lo spinse ad un partito estremo . . .
Già ti sta presso . . .

CUNIZA:
Egli?

LEONORA:
Lo vedi!

CUNIZA:
(Io tremo!)


ATTO PRIMO
SCENA IX

Oberto e dette

OBERTO:
Son io stesso! A te davanti!
vedi, o donna, un infelice;
se pietà sperar mi lice,
io la spero dal tuo cor.
D'aspro fato io son lo scherno,
ma l'onor serbava illeso;
or tradito, villipeso
m'è da un vile anco l'onor.

CUNIZA:
Ciel, che fèsti! . . . A qual periglio
I tuoi giorni, incauto, esponi?
Che mi chiedi? Di', proponi,
ove il possa lo farò.

LEONORA:
Tutto puoi, lo puoi tu sola! . . .
Ma il tuo cor sarà trafitto,
se il colpevole e il delitto
io fremendo svelerò.

CUNIZA:
(Qual presagio il cor m'agghiaccia!)
Parla dunque.

OBERTO:
A lei s'aspetta!
a te poi la mia vendetta,
od al brando affiderò.

LEONORA:
Mentì nome, mentì spoglie,
mi promise eterno amore;
ebbe impero sul mio core,
poi spergiuro mi tradì . . .
Tutto, tutto, e pace e onore
un indegno mi rapì.

OBERTO:
Altra donna! . . .

CUNIZA:
Ciel! . . . chi è dessa?
Il suo nome? . . .

LEONORA:
Sei tu stessa!

OBERTO:
Salinguerra è il traditor!

CUNIZA:
Ciel! . . . Riccardo! . . . Oh, quale orror!

OBERTO:
Su quella, fronte impressa
la verità tu vedi.
Se agli occhi tuoi non credi,
credilo al mio furor.
Ho d'Ezzelino infranta
la dura legge, e meco
in questa terra io reco
un fido brando ancor.

CUNIZA:
Tempra gli acerbi detti,
l'ira fervente acqueta;
a perigliosa meta
essa condur ti può .
Scherno non sei tu sola
d'un infelice affetto . . .
Ma vendicarlo, o in petto
spegnerlo, ben saprò.

LEONORA:
Oh generosa! Un ferro
io ti piantai nel seno.
A te l'indegno almeno
tolto l'onor non ha.
Ben tu potresti odiarlo . . .
Ma disperata io sono!
Io merto il tuo perdono,
merto la tua pietà.

CUNIZA:
Quanto mi costi! . . .

LEONORA:
Il credo.

CUNIZA:
Quanto ne soffro! . . .

OBERTO:
Il so!

CUNIZA:
Sul ciglio mio . . .

LEONORA:
Lo vedo . . .
Il pianto già spuntò.

CUNIZA:
Ma fia l'estremo, o misera,
che bagna le mie gote.
Ira il mio cor percote,
sul traditor cadrà.

OBERTO e
LEONORA:
Ah sì! L'estrema lagrima
scorre sulle tue gote;
l'ira che il cor percote
sul traditor cadrà.

(Cuniza conduce Oberto in una vicina stanza)

CUNIZA:
A me gli amici!


ATTO PRIMO
SCENA X

Riccardo, Imelda, Cavalieri, Dame e detti

CUNIZA: (A Riccardo, additando Eleonora)
Mira!

RICCARDO:
(Io gelo! Avvampo d'ira!)

CUNIZA:
Mirala!

RICCARDO:
Ebben! . . . l'amai,
spergiura la trovai.

LEONORA:
Ti conosco in questo istante:
di te degna è l'empia accusa!
Fui tradita, fui delusa,
e insultata or sono ancor.

TUTTI:
(Infelice! Nel sembiante
ha lo strazio del dolor!)

OBERTO:
Chi d'insultarla ardisce?

LEONORA:
(Oh cielo!)

CUNIZA:
(Ei si tradisce!)

RICCARDO:
(Il padre!)

CUNIZA:
(Ah, troppo osò!)

TUTTI:
Oberto!!

OBERTO:
Sì, son io.

TUTTI:
Chi lo condusse?

OBERTO:
Un Dio i passi miei guidò.

TUTTI:
A quell'aspetto un fremito
per ogni fibra io sento!
Egli è scoperto, e spento
sul patrio suol cadrà.

OBERTO:
A quell'aspetto un fremito
in ogni fibra io sento!
Io morirò, ma spento
meco quel vil cadrà!

OBERTO:
Non basta una vittima - a questo codardo.
e il padre e la figlia - vilmente egli uccide,
rapisce l'onore, - insulta, deride . . .
Oh stolto! Una spada - so cingere ancor!

RICCARDO:
All'onta rispondere - m'udresti, o vegliardo,
se all'ira che m'agita - la piena schiudessi;
se in cor pietade - di te non avessi,
mostrarti il sentiero - potrei dell'onor!

LEONORA:
Sentiero a te incognito - è quel del gagliardo!
L'onore non celasi - ha sempre un sembiante.
Oppressa, oltraggiata, - tradita, a te innante
mi vedi, o superbo, nè senti rossor?

CUNIZA:
Già l'alma pascevasi - d'un giuro bugiardo,
aprivasi ai guadii - d'un tenero affetto!
Ma vincer gl'inganni - saprò del mio petto,
in odio mutarsi - già sento l'amor!

IMELDA e CORO:
Oh cielo, non toglierci - l'amico tuo sguardo!
Gli sdegni s'acquetino, e pace ne arrida!
Se un cor fu spergiuro, - se un'anima infida,
quell'alma punisci, punisci quel cor!


ATTO/scena In
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Out

ATTO SECONDO
SCENA I

Gabinetto della Principessa.

Coro di Damigelle, Cuniza, seduta, indi Imelda.

CORO:
(Infelice! Nel core tradito
ha tumulto di mesti pensier.
Infelice! E d'amore all'invito
affidava il suo giuro primier)

IMELDA:
A te Riccardo favellar desia.

CUNIZA:
Riccardo? . . . E che gli resta
a proferire in sua discolpa? Un giorno
dolce nel core mi scendea quel nome,
qual rugiada che avviva
i lassi fior nella stagione estiva.
Oh, soavi memorie! Oh, caro affetto!
Chi vi toglie al mio petto?
Oh, chi torna l'ardente pensiero
Ei nel volto, nell'alma era bello . . .
Qui m'apparve . . . parlommi d'amor.
Un suo sguardo, un suo dolce sorriso
m'eran vita, gioir, paradiso!
Come preci su gelido, avello
ora invano mi scendono al cor.

IMELDA:
Dunque imponi . . .

CUNIZA:
Lo spergiuro a Leonora tornerò.

IMELDA:
E tu stessa?

CUNIZA:
Al primo giuro
io medesma il condurrò.
Più che i vezzi e lo splendore,
più che un plauso che delude,
della splendida virtude
può la voce sul mio cor.
Della misera il dolore
trovi asilo nel mio petto;
amistade è santo affetto
pari a quello dell'amor.

CORO:
Ah, sì grande e caro oggetto
non mertava il traditor!

ATTO SECONDO
SCENA II

Coro di Cavalieri


CORO di CAVALIERI (I):
Dov'è l'astro che nel cielo
sorge fulgido col dì?

CORO di CAVALIERI (II):
Lo ricopre un mesto velo,
quel bell'astro impallidì!

CORO di CAVALIERI (I):
E la gioia ed il sorriso
che promise a noi l'amor?

CORO di CAVALIERI (II):
Tutto sparve d'improvviso
come sogno mentitor!

TUTTI:
Si consoli la tradita
che speranze non ha più;
son compagne in questa vita
la sventura e la virtù.


ATTO SECONDO
SCENA III

Oberto, indi Coro di Cavalieri

OBERTO:
Ei tarda ancor! . . . Forse mancato è il messo,
o forse ei vile! . . . Ah no! Nol credo. Alfine
di vendetta appagar posso il desìo . . .
Niun asil può sottarlo al brando mio.
L'orror del tradimento
chiede dell'empio il sangue;
il braccio mio non langue,
fulmina il brando ancor.
Pur cada il veglio spento,
se in ciel così fu scritto;
ma dell'altrui delitto
nol gravi il disonor.

CORO:
Oberto! Oberto!

OBERTO:
Qual lieto grido!
Forse tradito mi ha il messo infido . . .

CORO:
Tu d'Ezzelino temer non dêi,
vieni a Cuniza che ti salvò.

OBERTO:
Ite! fra poco sono da lei.
(Parte il Coro)
Salvo? Che importa! Vendetta io vo'.
Ma tu, superbo giovanne,
me non vedrai fiaccato!
All'uno o all'altro il fato
reca l'estremo dì.
S'udrà dal mio cadavere
un grido uscir di guerra;
Oberto ai Salinguerra
morendo maledì!
Eccolo! . . . è desso! Or son tranquillo.
Inoltra, prode guerrier.


ATTO SECONDO
SCENA IV

Riccardo e detto

Di tenere donzelle
questo non è cimento.
Tu vieni qui a morire, o a compir l'opra
del tuo vile misfatto. Il ferro impugna,
e ti difendi.

RICCARDO:
Un sol momento ancora,
fervido vecchio. Ad inegual conflitto
forse mi chiami . . . e lo rifiuto!

OBERTO:
Infame abbastanza tu sei!
Fia la men vile questa dell'opre tue.

RICCARDO:
Frena l'oltraggio,
all'insulto non scende un ver coraggio.

OBERTO:
Vili all'armi, a donne eroi
io proclamo i Salinguerra!

RICCARDO:
Vili all'armi? . . . Ah! Tu lo vuoi? . . .
Con l'acciar risponderò.
(Snuda la spada)


ATTO SECONDO
SCENA V

Cuniza, leonora e detti

CUNIZA:
Ferma! Ah, troppo in questa terra
disonor tua man versò!

RICCARDO:
La vergonga ed il dispetto,
ahi, combattono il mio seno!
Il rimorso a quell'aspetto
lacerando il cor mi va.
Deh, spalancati, o terreno,
e m'ascondi per pietà!

LEONORA:
Egli è infame, è traditore,
ed ancora io l'amerei!
Ah! L'incendio d'un amore
chi mai spegnere potrà?
Ma la morte or sceglierei,
altra speme il cor non ha.

CUNIZA:
Sciagurato! E tanto ardiva
mentre a me chiedea parola,
e al ricorsco il core apriva
d'un'orribile viltà!
Infelice! Ti consola,
al tuo seno ei tornerà.

OBERTO:
Ah, codardo! Al brando mio
no, sfuggire non potrai!
Pari al fulmine di Dio
te dovunque ei coglierà.
Nel tuo sangue laverai
fin de' padri la viltà!

CUNIZA:
Conte, lo vedi, orribile
scena apprestati a noi.
Io ti perdono!... Togliere
a infamia ancor ti puoi.

RICCARDO:
Imponi! . . .

CUNIZA:
A questa misera
giura l'antico amor!

LEONORA:
(Oh generosa!)

CUNIZA:
Il gaudio brilli di nozze ancor

RICCARDO:
E tu l'imponi?

OBERTO: (A Riccardo)
(Fingere devi, se vil non sei!!
Poscia nel bosco attendimi . . .)

RICCARDO: (A Oberto)
(Verrò, per gli avi miei!!)

CUNIZA:
Riccardo! Ebben? . . .

RICCARDO: (Offre la mano a Leonora)
Rispondere può sol la man per me.

LEONORA:
Padre! . . . fia ver?

CUNIZA:
Sorridere, possa il Signore a te!

LEONORA:
Ah, Riccardo, se a misera amante
tu ritorni pentito, sincero,
come al tempo del giuro primiero
tutto, tutto il mio cor ti darò!

RICCARDO:
(Infelice! Sul vago sembiante
parla amor, ed io pur l'ho tradita;
infelice! L'onore m'invita
dove ancora ferir ti dovrò!)

OBERTO:
Oh, per poco nell'alma tremante
vi frenate, o pensieri di sdegno!
Ben nel sangue lavar dell'indegno
l'onta infame al mio nome saprò.)

CUNIZA:
(Oh, potessi scordarmi l'istante
che all'amore schiudeva il mio seno!
Deh, sorrida alla misera almeno
quella pace ch'io più non avrò!)

(Oberto entra nella selva, gli altri si allontanano per parte opposta)


ATTO SECONDO
SCENA VI

Coro di Cavalieri

CORO di CAVALIERI (I):
Li vedeste.

CORO di CAVALIERI (II):
Ah sì! La mano
si protesero i due Conti.

CORO di CAVALIERI (I):
Ed il core?

CORO di CAVALIERI (II):
Invano, invano!
Stava l'ira sulle fronti.

TUTTI:
Ah, sventura! E dalla croce
sol di pace Iddio parlò!,
Fatto sordo a quella voce
l'uom nel sangue s'allegrò!
Ahi, sventura! E d'una terra
sono entrambi lo splendor!
Pace omai! Fraterna guerra
Maledetta è dal Signor!

(La musica esprime improvvisamente l'azione d'un duello)

CORO di CAVALIERI (I):
Oh qual rumor!

CORO di CAVALIERI (II):
Feroce cozzo è di nudi acciar.

TUTTI:
Oh, qual sospetto atroce!
Si corra ad osservar!

(Entrano nella selva)


ATTO SECONDO
SCENA VII

Riccardo, colla spada alla mano, esce come inseguito da alcuno.

RICCARDO:
Ciel, che feci! . . . di quel sangue
ho macchiato il brando mio! . . .
Dove ascondere poss'io
il delitto, il mio rossor?
Ah, si fugga! . . .
Oh Dio! . . . Chi langue? . . .
M'ingannai . . . sussurra il vento.
Ah no! . . . l'ultimo lamento
è del misero che muor.
Ciel pietoso, ciel clemente,
(in atto di preghiera)
se pregarti ancor mi lice,
deh! Perdona a un infelice,
tu mi salva per pieta!
Oh rimorso! Del morente
l'ombra ognor m'inseguirà.


ATTO SECONDO
SCENA VIII

Giunge affannata Cuniza con Imelda, indi Coro.

CUNIZA:
Dove son? . . . Il cerco invano!
Qual presagio al cor mi piomba!
Sento il gelo della tomba
per le vene, in mezzo al cor.

IMELDA:
Alcun viene . . .

CORO:
L'han trovato!
Nella selva ei giace esangue . . .

CUNIZA:
Cielo!

CORO:
Immerso nel suo sangue
di Leonora è il genitor.
Del duello sospettosa
ella accorse a quelle piante,
vide il colpo dell'amante,
cadde oppressa dal dolor.

CUNIZA:
Ah crudeli! Oh, troppo veri
miei presagi! Alla meschina
mi guidate . . .

CORO:
S'avvicina!

TUTTI:
Oh, spettacolo d'orror!


ATTO SECONDO
SCENA IX

Leonora è condotta in scena

CUNIZA:
Vieni, o misera, cresciuta
solo al pianto, alla sventura!
Sul mio sen ti rassicura,
no, mai più ti lascierò!

CORO:
Mercé trovi nel tuo cuore
al dolore che provò.

LEONORA:
Tutto ho perduto! . . . tutto! Al colpo estremo
mi volle il ciel presente.
Misero padre mio! Padre, perdono! . . .
Non ei t'uccise . . . chi t'uccide io sono!

CORO:
Calma, calma il tuo dolore,
stai nel seno all'amistà!

LEONORA:
Sciagurata! A questo lido
ricercai l'amante infido! . . .
Qui l'iniquo mi deluse . . .
Qui l'obbrobrio . . . e l'empie accuse.
Qui lo sguardo . . . Oh Dio! . . . sostenni
d'un offeso genitor!
Ad ucciderlo qui venni
colla man del seduttor.


ATTO SECONDO
SCENA ULTIMA

Viene un messo portatore d'una lettera alla Principessa e Detti.

CORO:
Un messagio a questa volta? . . .
Che mai vuole? . . . che sarà?
(Cuniza legge tremando, indi esclama)

CUNIZA:
I suoi voti, o cielo, ascolta:
abbi ancor di lui pietà!
(S'avvicina a leonora e le dice sottovoce)
Fugge Italia il Salinguerra,
cerca asilo in strania terra.
Il perdono a te richiede;
i suoi beni . . . la sua fede . . .
Come ai dì del primo amore . . .

LEONORA: (prorompendo)
Taci, oh Dio, non proseguir.
Cela il foglio insanguinato
che vergò quello spietato!
Senza padre, maledetta,
una cella a me s'aspetta!
Veggo sangue in ogni loco . . .
Ei m'abbrucia . . . è ardente foco!
Il mio pianto, il mio dolore,
deh, m'affrettino il morir!
(cade fra le braccia delle Dame)

CORO:
Infelice! Un rio tormento
già l'assale, e invade il core.
Ella geme . . . il suo lamento
possa il cielo impietosir!


ATTO/scena In
I 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
II 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Out

FINE






data di modifica: 07/07/2003