ALL'OPERA PER IL TERREMOTO

02 luglio 1832

Il Conservatorio di Milano non ammette tra i suoi studenti Giuseppe Verdi. La celebre bocciatura è così motivata nel verbale: “ Il sig. Angeleri Maestro di pianoforte trovò che il sud.o Verdi avrebbe bisogno di cambiare le posizione della mano, ma attesa l’età di 18 anni si renderebbe difficile. In quanto alle composizioni che presentò come sue, sono perfettamente d’accordo con il Maestro di contrappunto sig. Piantanida, che applicandosi esso con attenzione e pazienza alle regole del contrappunto, potrà dirigere la propria fantasia che mostra di avere, e quindi riuscire plausibilmente nella composizione ”.
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail