ALL'OPERA PER IL TERREMOTO
E mi si affaccia questo verso: Va’, pensiero?
Con l’animo straziato dalla morte della prima mogli e dei due figli, esacerbato dall’insuccesso di Un giorno di regno , nel 1840 Verdi aveva deciso di non comporre più.
Su insistenza dell’impresario Merelli una sera del 1841 porta a casa un manoscritto. .. “era un gran copione a caratteri grandi, come s’usava allora: lo faccio in rotolo e salutando Merelli mi avvio a casa mia. Strada facendo mi sentivo addosso un una specie di malessere indefinibile, una tristezza somma, un’ambascia che mi gonfiava il cuore!... rincasai e con un gesto quasi violento gettai il manoscritto sul tavolo, fermandomici ritto in piedi davanti. Il fascicolo cadendo sul tavolo stesso si era aperto: senza saper come, i miei occhi fissano la pagina che stava, a me innanzi, e mi si affaccia questo verso: Va’, pensiero, sull’ali dorate ."
Immagini
  • Caricatura di Delfico
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail