ALL'OPERA PER IL TERREMOTO

Kazushi Ono

Direttore Ospite Principale

Descritto come “una delle più affascinanti menti musicali della nostra era e come un fenomeno” da Le Figaro, Kazushi Ono è dalla stagione musicale 2008/2009 Direttore Musicale dell’Opéra de Lione e Direttore Emerito dell’Orchestra Filarmonica di Tokyo.
Durante il suo incarico a Lione vi sono state le nuove, acclamate e pluripremiate produzioni del Giocatore di Prokofiev, della Lulu di Berg, del Rossignol di Stravinskij, della Luisa Miller di Verdi. Nella scorsa stagione Ono e l’Opèra di Lione hanno presentato Il naso di Šostakovič ed il Parsifal di Wagner.
Posizioni di alto profilo sono state fondamentali sin dall’inizio nella carriera di Kazushi Ono, che è stato Direttore Principale della Filarmonica di Tokyo dal 1992 al 2001, Direttore Generale e Musicale del Badisches Staatstheater (1996-2002), Direttore Musicale del Teatro della Monnaie di Bruxelles a partire dal 2002, dove è subentrato ad Antonio Pappano. La produzione che ha segnato il suo debutto alla Monnaie, l’ Elektra di Strauss, è stata apostrofata dal Suddeutsche Zeitung come «il miracolo di Bruxelles ». Egli è stato alla Monnaie per sei stagioni di grande successo, prima di passare a Lione. Oltre a questi incarichi, è stato direttore ospite di alcune delle più importanti orchestre internazionali quali: Boston Symphony Orchestra, Atlanta Symphony Orchestra, Leipzig Gewandhaus, Ensemble InterContemporain, City of Birmingham Symphony Orchestra, le Orchestre Filarmoniche di Londra, Rotterdam, Oslo e di Israele, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Filarmonica di Radio France, le orchestre sinfoniche della Radio di Vienna, Helsinki, Amburgo, Stoccarda, Friburgo, Francoforte e Colonia. Le sue apparizioni come direttore d’opera includono un ritorno a Glyndebourne per L’Enfant et le Sortilèges è di Ravel, alla Bayerisches Staatsoper di Monaco per Der fliegende Holländer . Kazushi Ono mantiene infatti forti relazioni con molti dei più prestigiosi teatri d’opera del mondo ed è apparso come direttore ospite al Festival di Aix-en-Provence ( Le Rossignol di Stravinskij), alla Deutsche Oper di Berlino ( Elektra di Strauss), alla Scala ( Macbeth di Verdi), a Glyndebourne ( Hänsel und Gretel di Humperdinck), al Metropolitan di New York ( Der fliegende Holländer di Wagner), all’Opèra di Parigi ( King Roger di Szymanowski). Ha inoltre diretto tutte le opere di Wagner, tra le quali il ciclo completo del Ring all’Opera di Karlsruhe durante il suo mandato (1996-2002), e diverse prime mondiali di nuove opere, incluse Ballata di Luca Francesconi, Hanjo di Toshio Hosokawa e Julie di Philippe Boesmans. Recentemente ha inaugurato la stagione 2012-2013 dell’Opéra de Lione con Macbeth . Ono apprezza fortemente non solo le produzioni ed il lavoro di registi di fama mondiale come Luc Bondy, Peter Stein, Laurent Pelly e Daniel McVicar ma anche le collaborazioni con artisti che esulano dal mondo della lirica tradizionale, quali l’artista visuale Jan Fabre, la coreografa Anne Teresa de Keersmaeker ed il regista cinematografico François Girard. Il suo vario catalogo discografico dimostra l’ampiezza del suo repertorio, che comprende: Chin (inciso per Deutsche Grammophon), Gubaidulina, Britten, Turnage, Rihm, Šostakovič, Mahler, Strauss e Čajkovskij.
Altre recenti incisioni includono il DVD Decca 2009 dell’applaudita produzione dell’ Hänsel und Gretel di Humperdinck con la London Philharmonic Orchestra a Glyndebourne, mentre per Opus Arte ha inciso Aida di Verdi e La carriera di un libertino di Stravinskij, entrambe alla Monnaie di Bruxelles. Vincitore nel 1987 del Primo Premio al Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra Arturo Toscanini, è dal 1 gennaio 2012 Direttore Ospite Principale della Filarmonica Arturo Toscanini, orchestra che dirigerà anche per celebrare Richard Wagner e Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita.
Immagini
  • Kazushi Ono
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail