OPERA AT WORK
FOR THE EARTHQUAKE

Cento - Teatro Giuseppe Borgatti

Il nuovo Teatro Comunale fu inaugurato nel settembre 1861 con l'Isabella D'Aragona di Pedrotti e  la Traviata di Verdi, dirette dal maestro Leone Sarti

Il nuovo Teatro Comunale fu inaugurato nel settembre 1861 con l'Isabella D'Aragona di Pedrotti e la Traviata di Verdi, dirette dal maestro Leone Sarti. Il sipario, che tuttora si conserva, fu dipinto dal bolognese Antonio Mussi, il quale vi rappresentò la visita della regina Cristina di Svezia allo studio del Guercino in Bologna. Nel 1924 il teatro fu intitolato a Giuseppe Borgatti, celebre tenore nativo di Cento, al quale nel 1933 fu dedicato anche un piccolo museo, tuttora collocato nelle sale del ridotto.

All'esterno l'edificio, dipinto a strisce ocra e siena bruciata, presenta una ricca decorazione in terracotta costituita da fregi collocati sopra le colonne del portico d'ingresso e sui contrafforti che reggono le arcate al primo piano; fregi corrono anche attorno alle finestre e lungo i cornicioni, la decorazione che sormonta l'arcata superiore è arricchita da medaglioni con teste in rilievo. L'interno presenta una struttura semplice ed elegante. La sala ha pianta a ferro di cavallo circondata da tre ordini di palchi più loggione. E’ interessante l'originale soffitto con elementi in legno intagliato e dipinto (testa di leone, tralci, ecc.).
Nel 1964 al teatro di Cento viene revocata l'agibilità per motivi di statica. Adeguatamente restaurato è stato riaperto al pubblico nella primavera del 1974.
Scheda pratica per " Cento - Teatro Giuseppe Borgatti " Contatti E-mail: stampa@fondazioneteatroborgatti.it
Tel.: 051 6858911 Indirizzo via Campagnoli, 9 - Cento (FE) Tipologia pianta a ferro di cavallo con palchetti Uso attuale prosa, lirica, concertistica, operetta, balletto e cabaret Dati tecnici palcoscenico largo m20,00, profondo m13,50 alto m 13,00; capienza totale della sala 434 posti
Immagini
  • Teatro Giuseppe Borgatti
  • © Archivio Fotografico dell?Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna
HOME   |   Life   |   Works   |   Verdi's places   |   Tourism in the land of Verdi   |   Educational   |   Institutes and Associations   |   App & Play   |   Multimedia   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail