OPERA AT WORK
FOR THE EARTHQUAKE

Piacenza a Verdi

5 aprile 2013

Un legame profondo unisce la città di Piacenza al grande compositore i cui genitori erano originari del territorio piacentino. La famiglia Verdi gravitava tra Villanova e Sant’Agata, mentre il ramo materno degli Uttini risiedeva tra Saliceto di Cadeo e Chiavenna Landi,  località del piacentino.
Proprio a Sant’Agata di Villanova, il Maestro stabilì la sua dimora definitiva intorno al 1850, trovando nella tranquillità del piccolo borgo l’ispirazione a scrivere i suoi più grandi successi, tra cui la trilogia popolare.
E di Sant’Agata, Verdi diceva con affetto “è il mio deserto, il mio cielo”. Qui intraprese la sua attività di imprenditore agricolo, coltivando la terra e ampliando i propri poderi. I luoghi e il tessuto culturale cittadino sono permeati della presenza del Maestro: il Grande Albergo San Marco, dove Verdi  soggiornava spesso, il Palazzo della Provincia, dove ricoprì l'incarico di consigliere provinciale dal 1889 al 1890, la  Stazione ferroviaria, il Teatro Municipale che è Teatro Lirico di Tradizione.
Nell'anno in cui tutto il mondo ricorda i duecento anni della  nascita di Verdi,  di cui sono patrimonio per l'umanità il pensiero e la figura, la città gli rende omaggio, offrendo un’articolata lettura del  Verdi piacentino. Numerose sono le iniziative e gli incontri che potrete trovare nel nostro calendario, tra tutte vi segnaliamo in questi giorni di primavera la mostra organizzata dalla Biblioteca Passerini Landi,  Curiosità e documenti in biblioteca e negli archivi del Teatro Municipale , l’esposizione di Manifesti di spettacoli verdiani al Teatro Municipale e la conferenza, il 6 aprile a Villanova d’Arda, L’arte a tempo di Giuseppe Verdi .
HOME   |   Life   |   Works   |   Verdi's places   |   Tourism in the land of Verdi   |   Educational   |   Institutes and Associations   |   App & Play   |   Multimedia   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail