OPERA AT WORK
FOR THE EARTHQUAKE

Giuseppina Strepponi

(Lodi, 1815 - Sant'Agata (PC), 1897)

Cantante lirica (soprano), il cui vero nome era Clelia Maria Josepha, proveniva da una famiglia di Lodi dedita alla musica: il padre, Feliciano, era compositore.

Terminato il Conservatorio a Milano, esordisce, proprio a Lodi, nell' Elisir d'amore. Affermatasi ben presto in campo teatrale, nel 1835 è a Vienna per la sua prima tournée, riscuotendo, di lì a quattro anni, un caloroso successo alla Scala di Milano.

Dotata di talento e sensibilità non comuni, sarà intelligente interprete di alcune opere di Giuseppe Verdi: contribuirà, con la sua performance, alla trionfale prima di Nabucco  del 1842 e alla rappresentazione di Ernani del 1844.

Ma la salute malferma e le fatiche di una vita intensa e disordinata non le permetteranno che una carriera di breve durata.

La sua fama resta legata soprattutto al ruolo di seconda moglie di Giuseppe Verdi. Con il grande compositore la Strepponi convive dal 1848 al 1859, anno al quale risale il loro matrimonio.

Giuseppina accompagnerà intelligentemente il Maestro nella feconda attività artistica e nella appartata vita privata a Villa Sant'Agata, presso Busseto, fino al 1897, anno della morte.

Le sue spoglie riposano, a fianco di quelle di Verdi, nella cappella voluta dal Maestro presso la Casa di Risposo per musicisti da lui stesso fondata a Milano.

Di eccezionale importanza per la biografia verdiana sono i suoi carteggi, in buona parte pubblicati.

HOME   |   Life   |   Works   |   Verdi's places   |   Tourism in the land of Verdi   |   Educational   |   Institutes and Associations   |   App & Play   |   Multimedia   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail